Detrazioni Iva, stretta immediata

 
Le nuove regole del Dl 50/2017 sulla detrazione Iva avranno sui piani operativo e finanziario un impatto notevole sulle operazioni di fine anno. In particolare, il problema sorgerà per tutte le fatture relative alle operazioni di dicembre, per le operazioni per le quali la fatturazione avviene nel 2018 con riferimento al 2017 e, più in generale, per tutte quelle fatture passive del 2017 che il cessionario/committente riceve nel corso del 2018. Le nuove regole, infatti, hanno determinato una drastica riduzione dei termini per esercitare il diritto a detrazione. Siamo passati da 2 anni e 4 mesi a soli 4 mesi (ovvero come vedremo a 16 giorni). Per le fatture emesse dal 1° gennaio 2017 la detrazione Iva che è direttamente collegata al momento di esigibilità dell’imposta, deve essere esercitata entro il termine di presentazione della dichiarazione Iva relativa al 2017 (30 aprile 2018) con riferimento a tutte le fatture la cui esigibilità si è verificata nello stesso periodo d’imposta. Tuttavia, in via transitoria il termine lungo opera ancora per il 2015 e il 2016 per i quali il diritto a detrazione deve essere esercitato al più tardi, rispettivamente, entro il 30 aprile 2018 o entro il 30 aprile 2019.