E-fattura dal 2019 anche per i consumatori

Dal 1° gennaio 2019 obbligo di fatturazione elettronica, anche avvalendosi di intermediari , sia nei rapporti tra privati (B2B) che nei confronti dei consumatori finali (B2C), indirizzando per questi ultimi il documento sui servizi telematici dell’agenzia delle Entrate. Con la stessa decorrenza verrà meno l’adempimento dello spesometro (articolo 21 del Dl 78 del 2010), mentre continueranno a dover essere inviate le comunicazioni delle liquidazioni periodiche Iva (articolo 21-bis sempre del Dl 78/2010).

Cessioni di beni e prestazioni di servizi da certificare con fattura elettronica sono tutte quelle poste in essere tra soggetti residenti, stabiliti o identificati a fini Iva nel territorio nazionale. Restano invece escluse le operazioni transfrontaliere e cioè tutte le cessioni e prestazioni effettuate o ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio.

Per queste sarà necessario l’invio entro l’ultimo giorno del mese successivo delle relative informazioni, ad eccezione di quelle per le quali è stata emessa una bolletta doganale o una fattura elettronica, pena l’applicazione di specifiche sanzioni. Con l’approvazione definitiva della legge di bilancio, infatti, si delinea il quadro sul nuovo obbligo di e-fattura.

L’anticipo

L’obbligo di fatturazione elettronica risulta comunque anticipato al 1° luglio 2018 per la certificazione delle operazioni relative a cessioni di benzina e gasolio e delle prestazioni rese da subappaltatori e subcontraenti negli appalti pubblici. Da tale ultimo termine la fattura elettronica sarà obbligatoria anche per le cessioni di carburante effettuate nei confronti di soggetti Iva presso gli impianti stradali di distribuzione, con esclusione dei soli acquisti effettuati al di fuori dell’esercizio di impresa o professione che saranno allo stesso modo tracciati mediante la trasmissione all’agenzia delle Entrate dei corrispettivi telematici secondo termini e modalità individuati con apposito provvedimento direttoriale. Parallelamente la deducibilità ai fini delle imposte dirette e la detraibilità Iva delle spese per carburante sono state subordinate all’utilizzo di strumenti di pagamento tracciabili con contestuale abolizione della scheda carburante. Risulta invece posticipato al 1° settembre 2018, rispetto all’originario termine del 1° gennaio, l’obbligo di fatturazione elettronica nelle operazioni tax free shopping e cioè dall’esercente per le cessioni effettuate nei confronti di viaggiatori residenti fuori dall’Ue di beni di valore complessivi pari almeno a 155 euro.