Mini-voluntary per frontalieri e iscritti all’Aire con copertura penale limitata

Mini-voluntary con coperture penali limitate e senza esclusione degli obblighi antiriciclaggio. Il quadro della procedura, su cui è intervenuta la circolare 12/E/2018, presenta notevoli differenze rispetto alle due precedenti edizioni di voluntary disclosure, in quanto relegata in un ambito più ristretto.

L’articolo 5-septies del Dl 148/2017 limita, infatti, il perimetro di applicazione alla sola sanatoria di redditi da lavoro dipendente e autonomo prodotti all’estero da soggetti, che nelle annualità oggetto della procedura, erano iscritti Aire o frontalieri, restando esclusi i cittadini stranieri residenti in Italia o i cittadini italiani che hanno lavorato per organizzazioni internazionali o per Stati esteri (ad esempio le ambasciate) se detengono ancora attività oltreconfine. In questo senso la norma presenterebbe un evidente disparità di trattamento.