Liquidazione Iva, il credito reale dipende dai versamenti effettuati

Entro il prossimo 16 febbraio i contribuenti Iva mensili dovranno provvedere alla liquidazione Iva del mese di gennaio 2021 avendo riguardo al risultato della liquidazione annuale Iva 2020.

A questo proposito i righi della dichiarazione Iva che evidenziano l’esito della liquidazione annuale e quindi l’ammontare dell’imposta a debito/credito sono rispettivamente il VL32 (saldo a debito) e il VL33 (saldo a credito).

Nessun problema si pone in caso di liquidazione Iva annuale a debito, l’imposta dovuta dovrà essere versata entro il 16 marzo in unica soluzione ovvero rateizzata ai sensi dell’articolo 20 del Dgs. n. 241 /1997 o ancora differita alla scadenza prevista per il versamento delle somme dovute in base alla dichiarazione dei redditi, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo d’interesse per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo.

Diversamente, particolare attenzione deve essere posta in caso di esito della liquidazione Iva annuale a credito (VL33). Le istruzioni al modello Iva 2021 precisano, a proposito del rigo VL33, che «nel calcolo del credito emergente dalla dichiarazione occorre tenere conto esclusivamente dei versamenti effettuati.

Qualora da tale calcolo emerga un importo negativo il presente rigo non deve essere compilato». Quindi, solo se l’Iva dovuta in conseguenza delle liquidazioni periodiche è stata effettivamente versata, la dichiarazione chiuderà a credito ed il credito “potenziale” esposto al rigo VL33 risulterà coincidente con il credito Iva “effettivo”, cioè quello risultante dalla liquidazione Iva del mese di dicembre 2020, riportabile e utilizzabile già in sede di liquidazione Iva mensile del mese di gennaio 2021 senza ulteriori vincoli (Iva su IVa).

Diversamente, cioè in caso di versamenti iva parziali, il credito Iva “potenziale” esposto al rigo VL33, non potrà coincidere con il credito Iva “effettivo” in quanto “congelato” per un importo pari all’omesso versamento.