Affidamenti bancari, proroga ma serve la richiesta dell’azienda

Affidamenti bancari in scadenza con proroga automatica, ma è necessaria la dichiarazione con la quale l’impresa attesti di essere in carenza di liquidità. Ad oggi, tuttavia, non sembra esserci una specifica per identificare lo stadio oltre il quale un’impresa possa dichiarare di trovarsi in questa condizione.

Con la proroga al 30 giugno 2021, concessa dalla legge di bilancio 2021, e quella prevedibile al 31 dicembre 2021, in parallelo con quanto avvenuto per il Quadro Temporaneo, sono molte le imprese che si trovano con gli affidamenti in scadenza soggetti a rinnovo.

Il Dl 18/2020 prevede la proroga in automatico, ma a molti è sfuggito che è l’impresa a doversi fare promotrice. Alcuni istituti sembrano convinti, addirittura, che le imprese debbano inviare la dichiarazione prima che scadano gli affidamenti.