Come funziona la fatturazione elettronica? Le soluzioni di Studio Corno

La fatturazione elettronica diventerà obbligatoria per tutte le operazioni tra soggetti IVA italiani a partire dal 1 gennaio 2019. Per alcuni tipi di operazioni l’obbligo sarà anticipato al 1 luglio 2018.

Il nuovo obbligo comporterà la necessità di modificare la gestione dei flussi di fatturazione all’interno delle aziende, nonché di dotarsi di strumenti informatici che permettano il rispetto della nuova normativa.

Studio Corno commercialisti ti segue nel processo di fatturazione elettronica garantendo un’ottimizzazione dei flussi di fatturazione attiva e passiva. A seconda della tipologia di gestione del processo di fatturazione elettronica che utilizza il cliente, Studio Corno ha individuato tre possibili soluzioni.

Soluzione A: fatturazione attiva con programma del cliente

Soluzione B: fatturazione attiva con programma fornito da Studio Corno

Soluzione C: l’intermediario emette la fattura elettronica

fattura_elettronica_studio_corno_soluzioneC

Come gestire le fatture passive

fatture_passive_studio_corno

L’obbligo di fatturazione elettronica è introdotto dalla legge di bilancio  (L. 27 dicembre 2017, n. 205 pubblicata nella G.U. n.302 del 29/12/2017) e riguarda tutte le operazioni (cessioni di beni e prestazioni di servizi) fra soggetti  identificati ai fini  IVA in Italia esercenti imprese, arti o professioni, sia nei confronti di  imprese/artisti/professionisti (Business-to-Business o B2B) sia nei confronti di privati  (Business-to-Consumer o B2C).

  • Dal 1 luglio 2018: Prestazioni nell’ambito di subappalti pubblici
  • Dal 1 settembre 2018: Cessioni Tax-Free a turisti
  • Dal 1 gennaio 2019: Tutte le altre operazioni nazionali
  • I soggetti che rientrano nel cosiddetto “regime di vantaggio” (di cui all’articolo 27, commi 1 e 2, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111) – c.d. «minimi»
  • I soggetti che applicano il regime forfettario (di cui all’articolo 1, commi da 54 a 89, della legge 23 dicembre 2014, n. 190)

Per questi soggetti l’obbligo permane solo per le operazioni nei confronti della pubblica amministrazione, ma dovranno dotarsi di un sistema per ricevere le fatture elettroniche che altri soggetti emetteranno nei loro confronti.

Tutti i soggetti residenti in Italia dovranno emettere e ricevere fatture elettroniche

I soggetti con partita IVA italiana potranno ricevere le fatture:

  • Tramite PEC
  • Tramite un sistema web-service
  • Tramite protocollo ftp