Il Giorno ha pubblicato un’analisi di Fabio Corno sul futuro dell’economia italiana nei prossimi anni e un focus sulla condizione delle imprese in Lombardia.

Pubblichiamo qui un estratto del suo articolo di approfondimento:

“I dati più recenti fanno prevedere per l’economia della zona euro dati leggermente migliorativi per il 2020 ma meno brillanti per il 2021. Bisognerà comunque aspettare fino al 2023 per ritornare ai livelli precedenti alla pandemia. Preoccupano le previsioni riguardanti la perdita di posti di lavoro e la crescita imponente dei disavanzi e del debito pubblico: confrontando i valori attesi per il 2022 con quelli pre-crisi del 2019 si evidenzia un aumento del tasso di disoccupazione della zona Euro dal 7,5 % del 2019 all’8,9%; un aumento del disavanzo pubblico aggregato dallo 0,6 % al 4,7 % e un rapporto debitoPIL aggregato della zona euro in aumento dall’85,9 % al 102,6 % del Pil.

Quanto alla Lombardia, Assolombarda vede prospettive positive per il settore manifatturiero, che – dopo il crollo del 10,2% del 2020 – dovrebbe guidare nel 2021 a un rimbalzo del PIL del 6,9%, con un ritorno della produzione industriale ai livelli 2019 entro la fine 2022″.

 

Per leggere l’articolo intero sull’edizione del Giorno online, si ricorda di effettuare la registrazione gratuitamente al sito.